“Industrial Soundscape” è un progetto di Andrea Ruschetti, promosso dall'Associazione Culturale Mastronauta, finalizzato alla costruzione di un paesaggio sonoro visivo post-industriale che rievochi il passato ad altissima densità industriale della città di Omegna.
“Ad inizio del ‘900 l’orizzonte della città era tracciato da molte ciminiere e lungo tutto il territorio erano presenti numerose attività produttive i cui stabilimenti coprivano una vastissima area del centro e arrivavano a lambire le acque del lago. Girando per la città si era totalmente immersi in un costante e incessante flusso di rumori e suoni provenienti dalle fabbriche e da tutto il loro frenetico indotto.”

Partendo dal ricordo di questa esperienza acustica, che per decenni ha caratterizzato il quotidiano vivere di ogni abitante e visitatore della città, sono stati attivati due laboratori: il primo - dal titolo “Motilità-corpi in movimento” condotto dalla danzatrice Elisa Sbaragli - ha indagato, gesti, ritmi e movimenti ispirati alle macchine e al loro funzionamento; il secondo - intitolato “Processi, dal rumore dell'industria al suono elettronico” e condotto da Dj Bienoise - è dedicato alla "liuteria elettronica" con la costruzione di strumenti elettronici che impiegano i rumori campionati presso i reparti di produzione del marchio cusiano Alessi.

Questi video documentano l'esito pubblico dei due laboratori.

Grazie ai talentuosi componenti della Laptop Orchestra condotta da Alberto Ricca : Davide Broggini, Elia Anelli, Oscar Bernardini, Matteo Bolognini, Matteo Santini, Giulia Dipa;
e ai valorosi performers capitanati dal Elisa Sbaragli: Francesca Casella, Federica Cerutti, Emilia Morfini, Alessio Rizzinelli, Andrea Ruschetti, Francesca Zaglio

************

Associazione Culturale Mastronauta
con il patrocinio del Comune di Omegna e il sostegno di Funder 35 *

presenta

INDUSTRIAL SOUNDSCAPE
Suoni Industriali e Corpi in Movimento

Progetto per la creazione di un paesaggio sonoro e visivo post-industriale che rievochi il passato ad altissima densità industriale della città di Omegna e coinvolga la Comunità in un processo di creazione e rappresentazione multidisciplinare.

“Ad inizio del 900 l’orizzonte della città di Omegna era tracciato da molte ciminiere e lungo tutto il terriotorio erano presenti numerose attività produttive i cui stabilimenti coprivano una vastissima area del centro e arrivavano a lambire le acque del lago. Girando per la città si era totalmente immersi in un costante e incessante flusso di rumori e suoni provenienti dalle fabbriche e da tutto il loro frenetico indotto.”
Partendo dal ricordo di questa esperienza acustica, che per decenni ha caratterizzato il quotidiano vivere di ogni abitante o visitatore della città, Andrea Ruschetti, direttore del centro artistico-culturale Mastronauta, ha ideato
il progetto Industrial Soundscape che si propone di ricreare un paesaggio sonoro industriale e rappresentarlo in chiave contemporanea in diversi luoghi della città.

Nel mese di Maggio inizierà la prima fase con il campionamento di rumori direttamente all’interno dei reparti produttivi di Alessi. Il materiale audio raccolto sarà elaborato durante il laboratorio “PROCESSI - Dal rumore dell'industria al suono elettronico” condotto dal Dj BIENOISE e organizzato in collaborazione con MIGMA COLLECTIVE. I partecipanti sbobineranno le registrazioni e selezioneranno le porzioni musicalmente significative da elaborare usando tecniche di sound design.
In parallelo sarà attivato il laboratorio “Motilità – Corpi Movimento” curato da Elisa Sbaragli finalizzato alla creazione di una nomencaltura di gesti ispirati alle macchine e al loro funzionamento che si armonizzeranno con le composizioni sonore create nel precedente laboratorio.
Per “Motilità” sono previsti tre incontri: il 20 Maggio, il 10 Giugno e un successivo a Settembre in preparazione dell’evento pubblico finale.
Sempre in Settembre è prevista una seconda giornata del laboratorio condotto da BIENOISE dedicata alla "liuteria elettronica" e quindi alla costruzione di strumenti elettronici che impieghino i suoni ottenuti nella prima giornata. Questi strumenti verranno, immediatamente utilizzati per un seminario sull'improvvisazione propedeutico alla perfomance finale con l'orchestra formata dai partecipanti.

Tutti gli incontri si svolgeranno presso la sede dell'Associazione Culturale Mastronauta in Vicolo Strona 8, 28887 Omegna VB.

La partecipazione è gratuita per i soci, tessera 5 Eur.

Per MOTILITà non è richiesta alcuna preparazione o esperienza scenica.

Per PROCESSI non sono richieste particolari competenze pregresse, ma data la specificità dell'argomento e l'impegno richiesto, si chiedono serietà nel partecipare agli incontri e un sincero interesse e curiosità verso l'argomento trattato; il primo incontro utilizzerà microfoni, computer e registratori digitali; il secondo ed il terzo, invece, computer e controller. Gli studenti sono invitati ad utilizzare la propria strumentazione, ma sarà possibile partecipare anche senza disporre di nessuno strumento.Il software utilizzato sarà Ableton Live.

Info e iscrizioni:
info@mastronauta.it
tel 0323 62895

***

Nel secondo incontro di Processi, sbobineremo insieme le registrazioni realizzate durante la visita allo stabilimento Alessi. Attraverso l'uso degli strumenti di editing ed elaborazione di Ableton Live, impareremo quali materiali possono funzionare per la costruzione di campioni, e come processarli per renderli pronti all'uso.
La seconda parte della giornata sarà dedicata ad una prova preliminare della conduction finale.
Sarà possibile partecipare anche come uditori, ma per i lavori individuali e per le prove della conduction sarà importante avere un certo numero di computer e controller. Effettueremo un sondaggio tra i partecipanti per essere certi che tutti possano suonare.
Non si richiede esperienza, ma curiosità musicale e disponibilità a partecipare allo spettacolo finale.

**************************

Sabato 30 Settembre 2017 dalle ore 18 alle 19:30 nella suggestiva cornice dell'ex Ferriera COBIANCHI ora FORUM di Omegna si terrà l'atto finale di “Industrial Soundscape”, progetto di creazione artistica finalizzato alla costruzione di un paesaggio sonoro visivo post-industriale che rievochi il passato ad altissima densità industriale della città di Omegna. “Ad inizio del ‘900 l’orizzonte della città era tracciato da molte ciminiere e lungo tutto il territorio erano presenti numerose attività produttive i cui stabilimenti coprivano una vastissima area del centro e arrivavano a lambire le acque del lago. Girando per la città si era totalmente immersi in un costante e incessante flusso di rumori e suoni provenienti dalle fabbriche e da tutto il loro frenetico indotto.”

Partendo dal ricordo di questa esperienza acustica, che per decenni ha caratterizzato il quotidiano vivere di ogni abitante e visitatore della città, sono stati attivati due laboratori: il primo - dal titolo “Motilità-corpi in movimento” condotto dalla danzatrice Elisa Sbaragli - ha indagato, gesti, ritmi e movimenti ispirati alle macchine e al loro funzionamento; il secondo - intitolato “Processi, dal rumore dell'industria al suono elettronico” e condotto da Dj Bienoise - è dedicato alla "liuteria elettronica" con la costruzione di strumenti elettronici che impiegano i rumori campionati presso i reparti di produzione del marchio cusiano Alessi.

L'atto finale vede l'incontro delle due esperienze: i performer e una vera e propria laptop orchestra, insieme, dal vivo, daranno corpo e voce a un fragoroso paesaggio visivo e sonoro post-industriale.

**************************

BIENOISE
Alberto si diploma nel 2014 in Musica Elettronica e Tecnologie del Suono presso il Conservatorio di Como, con la tesi Nuove Forme Musicali: Il Remix, estetica, tecniche e strumenti, dopo una laurea in Linguaggi dei Media ed il master in composizione per il grande schermo al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, 
Segue anche i corsi di programmazione in MaxMSP con TOBOR EXPERIMENT, e di pianoforte e composizione con Roberto Olzer ed Alberto Magagni.

Insegna Live Electronics all'Istituto Europeo di Design a Milano, ed ha già collaborato con Migma per il Corso di Produzione Musicale della scorsa primavera.

Come Bienoise, pubblica nel dicembre 2015 l'album "Meanwhile, Tomorrow" per White Forest Records, considerato da molte riviste specializzate uno dei migliori album italiani dell'anno. Pubblica anche per Concrete records ("Small Hopes of Common People", un album di colonne sonore per film mai finiti, 2015), Bitcrusher ("Sono una Teiera Tonda\Il mio beccuccio è a forma d'onda", 2010, col suo alias Maestro delle Metope), e Yerevan Tapes con il suo duo Merchants. Dal 2015 fa parte del roster di The Italian New Wave, con alcuni dei più interessanti produttori elettronici italiani selezionati da Club To Club Festival.

Nel 2014 è stato scelto da Red Bull per rappresentare l'Italia alla Academy di Tokyo.

E' uno dei fondatori dell'etichetta di musica improvvisata e di confine Floating Forest Records, che ha pubblicato Davide Merlino, Achille Succi, Pasquale Mirra, Sabir Mateen e molti altri. Per questa ed altre etichette si occupa anche di registrazione, mix e mastering, oltre ad esibirsi con il collettivo Floating Forest e con il progetto acusmatico Alberi assieme ad Alberto Barberis.

ELISA SBARAGLI
Danzatrice, performer e coreografa.
Diplomata presso il CIMD (Centro internazionale di movimento e danza sotto la direzione artistica di Franca Ferrari.
Nel 2015 crea il suo primo solo In Between sul tema della violenza di genere in collaborazione con Ana Continente (Regia) e Gustavo Gimenéz Laguardia (musiche).

Come danzatrice lavora per la Compañia Ana Continente in Retrato Revelado (Zaragoza), direzione artistica Ana Continente; per la Compagnia D.Arte in Scelta R.evocabile e Progetto Variabile entrambi direzione artistica Franca Ferrari; per la Compagnia Motus di Siena in Della tua Carne, direzione artistica Simona Cieri.
Sempre come performer e danzatrice partecipa al progetto di Laura Pante, Aphonos “che non ha voce” presentato per la prima volta presso il c32 performingartworkspace a Forte Marghera e presso il Teatro Zut a Foligno.

Dal 2014 è membro del Collettivo K realizzando assieme a Maruska Ronchi, Nuovi colori nell’aria, spettacolo di danza e pittura per adulti e bambini; Free Hug, performance di danza contemporanea sul tema dell’abbraccio.
Con il Collettivo ha inoltre occasione di partecipare al progetto europeo ShareCulture Creative Mobility in Malta con il supporto di Perypezye Urbane di Milano. Realizzazione dei video di Barbablù e La bella addormentata nel bosco, che fanno parte di un progetto di video-danza più ampio, Progetto Sette, un progetto multimediale di forme d’arte, che andrà a comporre un’antologia delle fiabe della tradizione europea, cercando di analizzare il concetto del femminino.

Nel corso degli ultimi quattro anni ha insegnato danza contemporanea a bambini (dai 3 ai 5 anni e dai 6 ai 10 anni) e adulti, presso Scuole Pubbliche ed Associazioni Culturali.